Febbraio 24, 2024
Spread the love

PROBLEMA IRRISOLTO: DOPO 7 ANNI ANCORA UNA VOLTA IN RITARDO

Il 1 settembre 2022 non sarà diverso rispetto a quelli degli ultimi 7 anni. Molte scuole saranno impegnate, come gli scorsi anni, con le prese di servizio dal Dirigente Scolastco, neo immesso in ruolo, al DSGA assente o appena immesso in ruolo, a tutto il personale insomma che in un modo o in un altro si trova a cambiare scuola, grado, part-time, profilo ecc. Sarà un primo settembre che almeno i docenti di religione incaricati annuali potevano risparmiarsi di avere, con il vecchio e caro automatismo dello stipendio, invece con l’avvento dal 1 settembre 2015 del sistema informatizzato e con il conseguente blocco della retribuzione de primo mese di scuola, circa 14000 docenti, chi più e chi meno, dovrà lottare dopo la necessaria presa di servizio, dell’invio del contratto telematico in tempo utile per ottenere, più o meno, entro la fine di settembre quanto di proprio diritto.

Il Sair vuole impegnarsi in prima persona per la soluzione di questa problematica. I tuturi concorsi straordinari e ordinari, risolverano solo per il 40% del precariato attuale la questione. Non è giusto però lasciare questa situazione in sospeso in attesa che le modalità distorte si diventino normalità. Innanzitutto le circolari ministeriali lasciato alle Istituzione Scolastiche un margine temporale entro cui acquisire i dati, da 26/27 al 31 agosto, e l’invio, subito dopo la presa di servizio del dipendente, del contratto convalidato dal DS, entro la prima decade di settembre. Un tempo più che sufficiente, eppure migliaia di scuola non si adeguano a quanto previsto all’Amministrazione centrale.

Innanzitutto cosa fare in caso di rifiuto da parte della segreteria scolastica nel fare in tempi certi (entro i primi 10 gg di settembre) il contratto? Innanzitutto rivolgersi al Dirigente Scolastico, il datore di lavoro, verbalmente o per iscritto con una semplice emal in posta istituzionale (es: bgpm…ecc.), se il DS dovessere anche lui rifiutarsi immotivamente, non adeguandosi alle note ministeriali, ebbene contattateci sarà nostra cura inviare alla vostra scuola, per nome e per conto vostro, una diffida a procedere. Potete monitorare l’iter attraverso Istanze OnLine, accedendo con lo spid, alla voce “altri servizi” al link “rapporti di lavoro a TD” In extrema ratio qualora la scuola non ha provveduto a tale adempimento e il dipendente può dimostrare che tale comportamento è reiterato negli anni si potrà decidere di impugnare il mancato adempimento dinanzi al giudice del lavoro. Il sistema informatizzato sembrava aver risolto tanti problemi, invece rimane ancora irrisolto dopo ben 7 anni! Per il supporto legale Scrivici a ufficiolegale@nuovosair.it oppure chiama il numero 800 820 776 tasto 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *