Giugno 21, 2024
Condividi su:

La Presentazione delle domande è possibile dalle ore 14:00 del giorno 3 giugno fino alle ore 23:59 del giorno 2 luglio 2024 ( ventinovesimo del giorno di pubblicazione).

In data odierna sono stati finalmente pubblicati i  bandi delle procedure straordinarie per l’immissione in ruolo degli Idr, attesi come ben sappiamo da 20 anni.

COMPILAZIONE DELLA DOMANDA:

1. PRIMA DI TUTTO essere in possesso del certificato di idoneità in formato pdf rilasciato dall’ordinario della diocesi con data non antecedente a 90 gg della presentazione della domanda (es. non più tardi del 4 marzo se la domanda venga inviata il 3 giugno) ;

2. Avere lo SPID o l’accesso tramite CIE;

3. Avere data dei titoli ecclesiastici e relativo voto;

4. Elenco di tutti i servizi prestati con il prescritto titolo di studio;

5. EVENTUALI titoli di riserva (invalidità civile);

PER ASSISTENZA scrivere a 

concorsi@fensir.it 

per fissare l’appuntamento con un nostro sindacalista SOLO modalità a distanza (la meno dispendiosa di tempo)

ACCESSO AL CORSO PREPARAZIONE AL CONCORSO

Per chi NON ha ancora fatto l’accesso al corso o non ha ancora i dati di accesso alla piattaforma, DEVE inviare una e-mail richiedendone i dati a

segreteria@fomazione.fensir.it

Si riceveranno tutte le indicazioni del caso.

L’ASSISTENZA è RISERVATI AGLI ISCRITTI AL SINDACATO per iscriversi www.nuovosair.it/iscriviti e seguire le indicazioni

Fasi principali:

  1. È necessario essere in possesso  della Certificazione di idoneità rilasciata dall’Ordinario Diocesano nella quale è specificata la denominazione della diocesi e il grado di scuola per il quale il singolo docente concorre: ogni Diocesi o Conferenza Episcopale Regionale ha dato o darà a breve indicazioni in merito.
  2. La domanda si inoltra, entro il 2 luglio 2024, sulla specifica piattaforma dedicata (PORTALE UNICO CONCORSI SCUOLA www.inpa.gov.it) alla quale si accede con lo SPID o CiE.

Vanno specificati:

  1. titoli di cui si è in possesso.
  2. Va dichiarato il possesso della certificazione di idoneità ricevuta dall’Ordinario Diocesano.
  3. Vanno indicati gli anni di servizio o i 36 mesi, anche in maniera non continuativa, nella scuola statale.

NB: Il servizio scolastico è valido anche se prestato in ordini e gradi diversi, a partire dal possesso dei titoli culturali richiesti.

Si può partecipare in un’unica Regione

Per la partecipazione a ciascuna procedura è dovuto il pagamento di un contributo pari a euro 50,00.

 Il pagamento deve essere effettuato sulla base del bollettino emesso dal sistema “Pago In Rete”, al link reso disponibile all’interno della “Piattaforma concorsi e procedure selettive” nella sezione  dedicata.

L’avvenuto pagamento deve essere dichiarato nell’istanza, allegando, a pena di esclusione, la ricevuta di pagamento.

Nel caso in cui vi fosse un malfunzionamento, parziale o totale della piattaforma digitale, accertato dall’amministrazione (cfr. Portale unico), che impedisca l’utilizzazione della stessa per la presentazione della domanda di partecipazione o dei relativi allegati, ci sarà una proroga del termine di scadenza corrispondente a quello della durata del malfunzionamento.

Il candidato può annullare, modificare o integrare la domanda fino alla data di scadenza del bando.

L’amministrazione, inoltre, garantisce un servizio di assistenza di tipo informatico legato alla procedura di presentazione della domanda.

Si ricorda che ciascun candidato, 24 ore prima dell’orario programmato per la prova, estrae la traccia su cui svolgere la prova medesima. Nel caso in cui il candidato non sia presente all’ora prevista per l’estrazione, la Commissione procede all’estrazione della traccia e ne dà comunicazione al candidato a mezzo di posta elettronica all’indirizzo indicato nella domanda di partecipazione al concorso.

Nella domanda il candidato deve dichiarare sotto la propria responsabilità, a pena di esclusione:

  • il cognome ed il nome;
  • la data, il luogo di nascita, la residenza e il codice fiscale;
  • l’indirizzo, comprensivo di codice di avviamento postale, il numero telefonico, nonché il recapito di posta elettronica ordinaria e/o certificata presso cui chiede di ricevere le comunicazioni relative al concorso. Il candidato si impegna a far conoscere tempestivamente ogni eventuale variazione dei dati sopra richiamati mediante comunicazione (peo/pec/raccomandata A/R) all’USR responsabile della procedura concorsuale;
  • il possesso della cittadinanza italiana o di uno degli stati membri dell’Unione Europea;
  • il godimento dei diritti civili e politici;
  • per coloro che sono soggetti all’obbligo, posizione regolare nei riguardi del servizio di leva;
  • il comune nelle cui liste elettorali è iscritto ovvero i motivi della mancata iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
  • di essere fisicamente idoneo allo svolgimento delle funzioni proprie del docente;
  • di non avere riportato condanne penali, con sentenze passate in giudicato o provvedimenti equiparati o sentenze di patteggiamento, per reati che costituiscono un impedimento all’assunzione presso una pubblica amministrazione (in caso positivo, dovrà specificare quali);
  • di non avere in corso procedimenti penali o procedimenti amministrativi per l’applicazione di misure di sicurezza o di prevenzione (in caso positivo, dovrà specificare quali);
  • di non essere stato escluso dall’elettorato politico attivo, di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento e di non essere stato licenziato da altro impiego statale per motivi disciplinari ai sensi della vigente normativa di legge o contrattuale, ovvero dichiarato decaduto per aver conseguito la nomina o l’assunzione mediante la produzione di documenti falsi o viziati da nullità insanabile;
  • il possesso dei titoli previsti dall’articolo 5, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica  9 maggio 1994, n. 487, che, a parità di merito e titoli, danno luogo a preferenza.
  • l’eventuale esigenza, ai sensi della normativa vigente, di essere assistito durante la prova, indicando in caso affermativo l’ausilio necessario e la necessità di eventuali tempi aggiuntivi. Tali richieste devono risultare da apposita certificazione rilasciata dalla competente struttura sanitaria;
  • il possesso dei requisiti e dei titoli prescritti per l’ammissione.
  • Per quanto riguarda la certificazione di idoneità, rilasciata dall’ordinario diocesano nei novanta giorni antecedenti alla data di presentazione della domanda di partecipazione, il candidato dovrà indicare la diocesi, il grado di scuola e la data di rilascio. Tale certificazione dovrà essere allegata alla domanda in formato pdf.   Per quanto riguarda l’anzianità di servizio, il candidato dovrà dichiarare il compimento, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda, di almeno trentasei mesi di servizio anche non consecutivi nell’insegnamento della religione cattolica nelle scuole statali. In ordine ai titoli di qualificazione professionale, il candidato dovrà indicare l’esatta denominazione dell’Istituzione che li ha rilasciati, dell’anno scolastico ovvero accademico in cui sono stati conseguiti, del voto riportato;
  • ai fini dell’attribuzione del punteggio, i titoli posseduti e l’anzianità di servizio;
  • l’eventuale diritto alle riserve previste dalla vigente normativa, di cui all’articolo 3, comma 3. Coloro che hanno diritto alla riserva di posti in applicazione della legge n. 68 del 1999 e che non possono produrre il certificato di disoccupazione rilasciato dai centri per l’impiego, poiché occupati alla data di scadenza del bando, indicheranno la data e la procedura in cui hanno presentato in precedenza la certificazione richiesta;
  • di aver preso visione dell’informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento 2016/679/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati) e del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196;
  • di avere effettuato il versamento del contributo previsto per la partecipazione al concorso.
  • Non saranno presi in considerazione i titoli e l’anzianità di servizio che, pur conseguiti nel termine di scadenza di presentazione della domanda, non siano stati dichiarati ed elencati nella domanda di partecipazione.

Ogni regione ha il suo contingente. Ne consegue, che alcune regione per questioni demografiche abbiano avuto assegnato più posti. In ogni caso il concorrente che non rientrerà nell’iniziale contingente previsto dalla regione e diocesi dove concorre, resterà, finito la procedura straordinaria, nella graduatoria ad esaurimento ( GaE). Per cui è previsto in ogni caso, anno per anno, un suo naturale scorrimento.

BANDO INFANZIA E PRIMARIA

BANDO SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *